Dal Venezuela i bimbi malati che sognano l'Italia | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Dal Venezuela i bimbi malati che sognano l'Italia

Nel mese di maggio solo all'ospedale di Caracas quattro bambini sono morti in attesa di un trapianto di midollo osseo. Nel reparto di ematologia ci sono trenta bimbi che aspettano di venire in Italia a curarsi, come negli anni passati. Ma da mesi è tutto fermo, le sanzioni americane bloccano i finanziamenti dal Venezuela, gli ospedali italiani continuano a curare i pazienti però non possono riceverne altri, denunciano i medici. Secondo Atmo, l'Associazione per il trapianto di midollo osseo, in lista ci sono almeno cento bimbi e adolescenti venezuelani. Il Bambin Gesù di Roma ha dato l'ok ad accoglierne dieci a titolo gratuito: un ragazzo di 17 anni, arrivato in condizioni gravissime, è deceduto. Per la Croce rossa internazionale, che sta consegnando farmaci, attrezzature e generatori elettrici, la situazione sanitaria in Venezuela è al collasso.
di Livia Zancaner

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast