Starbucks ma non solo. Le grandi catene alla conquista dell'Italia, a partire da Milano - di Marialuisa Pezzali | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Starbucks ma non solo. Le grandi catene alla conquista dell'Italia, a partire da Milano - di Marialuisa Pezzali

50 anni di storia per oltre 28 mila negozi in 78 Paesi nel mondo, ultimo in ordine di tempo l'Italia. Perché il 7 settembre scorso - ne hanno parlato tutti – Starbucks ha aperto la sua prima caffetteria nel nostro Paese, a Milano. Un fatto di costume, corredato di lunghe code all'ingresso cui i fenomeni di culto del mondo dei consumi ci hanno abituato, oltre che un fatto economico, che racconta come l'Italia, a partire dal capoluogo lombardo, sia terra di conquista per le grandi catene del retail. Prima di Starbucks, sempre a Milano, hanno fatto notizia l'Apple store, JollyBee, il re del pollo fritto filippino notissimo in Asia, Domino's Pizza. Ora l'attesa maggiore è per il primo Nba Store in Europa e per Uniqlo, colosso giapponese fast fashion, che aprirà nella stessa Piazza Cordusio dove la Starbucks Reserve Roastery nello storico Palazzo Broggi è già luogo di culto. Nello store c'è molto Made in Italy: dalla enorme tostatrice a vista Scolari ai marmi e ai legni lavorati da artigiani italiani, dal gelato molecolare di Alberto Marchetti ai prodotti da forno di Rocco Princi. Una lezione di marketing da manuale – "Think global, act local" - che le nostre catene oltreconfine non dovrebbero dimenticare.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast