I lavori di domani 26/01/2020

Lara Botta, STEM Advocate

  • 0

Lara Botta, Imprenditrice, moglie e mamma, oltre ad essere Vice Presidente nazionale dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Milanese di nascita ma cittadina del mondo per vocazione, dopo quasi 10 anni passati all'estero accetta la sfida di rientrare in Italia per prendere il suo posto nell'azienda di famiglia la BOTTA Packaging, diventandone Vice Presidente e traghettandola nell'era dell'innovazione digitale. Crede fermamente che le nuove tecnologie siano un valido e potente alleato per rafforzare lo spirito di squadra e adottandole ambisce a creare quello che Beckstrom ha definito 'effetto Stella Marina': ogni membro dell'azienda è unito da un fine comune e, qualora danneggiato, ogni tentacolo continua a rigenerarsi con l'aiuto degli altri. Queste le informazioni per chi è interessato al progetto STEAMiamoci

STEM Advocate
Divulgatrice e Role Model che mette in discussione gli stereotipi di genere verso le materie STEM e porta i ragazzi, e le ragazze, a fare scelte informate in merito ai loro studi ed al loro futuro. Il 57% dei laureati europei è donna, ma solo il 25% si laurea in materie ICT e ancora di meno entra poi a lavorare nel settore. La partecipazione delle donne europee al mondo dell'informatica e del digitale resta basso, nonostante si tratti di un settore in grande espansione. Così grande, che per gli imprenditori si apre un problema: non ci sono sufficienti figure professionali per colmare tutte le richieste di lavoro per queste figure professionali. E in prospettiva, con la diffusione di automazione, digitalizzazione, uso dell'intelligenza artificiale, le richieste da parte delle aziende non faranno che aumentare. Per questo, c'è bisogno di sempre più menti disponibili a cimentarsi con le materie STEM, cioè scienze, tecnologia, ingegneria e matematica. Questa la mission: "Perché le studentesse non scelgono studi STEM? Se lo sono chiesto in tanti, e quello che emerge è che in molti casi, quello che agisce a livello inconscio sono pregiudizi – quasi sempre inconsapevoli. Molte mamme e papà, molte figlie e figli, prendono ancora decisioni per gli studi futuri credendo che i maschi siano più bravi nelle materie scientifiche e le femmine in quelle letterarie. Influenzano molto anche i Role model, cioè le figure che si prendono a riferimento nel fare scelte per il futuro: le statistiche mostrano che inconsapevolmente le figlie si fanno ispirare dalle madri e i figli dai padri. E' proprio da questa riflessione che nasce STEAMiamoci, il progetto del gruppo di lavoro politiche di genere dei Giovani Imprenditori di Confindustria. Grazie alla collaborazione col Salone dello studente, questo è il terzo anno che i Giovani imprenditori si raccontano e mettono a disposizione degli studenti le proprie storie personali.Vogliamo raccontare e testimoniare la storia di imprenditrici e lavoratrici delle nostre imprese che hanno scelto di studiare materie STEM e poi hanno costruito una carriera professionale che le ha rese felici, soddisfatte, e di successo."

  • Puntate precedenti

Ascolta anche

Noi per voi