I lavori di domani 14/06/2020

Guido Porro, la formazione di Solution e Innovation Architects

  • 0

Guido Porro Mentore di Solutions and Innovation Architects è nato a Cantù nel 1975, è laureato in Economia Politica presso l'Università Bocconi di Milano e ha conseguito un Master in Business Administration presso la INSEAD Business School. È coniugato ed ha tre figli. È amministratore delegato di Dassault Systèmes, the 3DEXPERIENCE Company, per l'Italia e l'area EuroMed. Tra i suoi principali obiettivi, quello di accrescere il ruolo strategico dell'azienda nell'ecosistema italiano e europeo, attraverso lo sviluppo sostenibile di settori prioritari dell'industria, con una particolare attenzione alla formazione e valorizzazione della 'Workforce of the Future'. Prima del suo ingresso in Dassault Systèmes, Guido Porro ha ricoperto incarichi di crescente importanza in Oracle, diventando Senior Director, in Boston Consulting Group come Consulente Direzionale e in Accenture, con competenze specifiche nei settori dell'energia, Industrial Equipment e del retail.

Solutions&Innovation Architects
È un laureato STEM (dall'inglese Science, Technology, Engineering and Mathematics) con la duplice passione per uno o più settori industriali (Automotive, Aerospace, Food&Beverage) e per le tecnologie digitali, con una spiccata attitudine alla comprensione dei problemi delle aziende e a un approccio paziente e proattivo alla soluzione di questi problemi tramite soluzione digitali che abbattono i muri cinesi esistenti tra i dipartimenti delle aziende e anche tra le aziende e le realta' esterne (fornitori, clienti). Traduce (disegna) in soluzione tecnologica quello che il management aziendale ha identificato come iniziative chiave per intraprendere trasformazione digitale. Per esempio quali soluzione consentono un rientro al lavoro post-COVID19 in totale sicurezza per i lavoratori di fabbrica e, nel contempo, ottimizzando i cicli di produzione. O anche per esempio come trasformare i sistemi per ridurre i tempi di sviluppo di un'automobile da 3 anni a 18 mesi, o come sviluppare un'auto a guida autonoma integrando diverse discipline ingegneristiche finora separate in compartimenti stagni (meccanica, elettronica, fluidodinamica, simulazione elettromagnetica). È, in sostanza, un integratore o un integratrice di App secondo una logica di piattaforma ragionata. Garantisce che la nuova soluzione (TO BE) sia compatibile con il meglio della tecnologia grazie alla capacità di interagire con tutti gli attori aziendali e le relative soluzione in scopo nel percorso di trasformazione. Ha anche una buona capacità progettuale perché fa in modo che le cose succedano veramente. Traduce la soluzione disegnata in chiare specifiche di progetto da condividere con il team di implementazione per ridurre a zero i rischi di progetto e continuare a mantenere una perfetta consistenza tra la soluzione finale che sarà implementata e la volontà di "digital transformation" dell'azienda.

  • Puntate precedenti

Ascolta anche

Noi per voi