Due di denari29/11/2017

Per richiedere il ReI è fondamentale essere in possesso della certificazione Isee

È fondamentale essere in possesso di una certificazione Isee in corso di validità prima di presentare domanda per il ReI...

È fondamentale essere in possesso di una certificazione Isee in corso di validità prima di presentare domanda per il ReI, il Reddito di Inclusione, la nuova misura di contrasto alla povertà promossa dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, che potrà essere richiesta a partire dal 1° dicembre 2017 dai cittadini in possesso dei requisiti richiesti. «La certificazione Isee diventa elemento sostanziale per misurare la situazione economica di una famiglia e contiene diversi indicatori di accesso al Rei» ha sottolineato ai microfoni di Due di Denari Dino Giornetti area fiscale CAAF CISL, ricordando poi agli ascoltatori le tempistiche di richiesta e rinnovo da tenere a mente per essere sempre in possesso di un certificato in corso di validità.


Il ReI sarà erogato con una carta che permetterà pagamenti e prelievi. Tangorra (Ministero del lavoro): trasferiremo risorse ai comuni. «Il modo più efficiente per trasferire denaro ai cittadini, anche a quelli in difficoltà, si è dimostrato, negli ultimi anni, fornire loro una carta di pagamento». Raffaele Tangorra direttore generale per l'inclusione e le politiche sociali del Ministero del Lavoro ha confermato ai microfoni di Due di denari che questa sarà la modalità prescelta anche per l'erogazione del ReI, il reddito di inclusione, che potrà essere percepito dai cittadini in possesso dei requisiti necessari a partire dal prossimo 1° gennaio, mentre le domande si potranno presentare già da questo venerdì, 1° dicembre. Come ha precisato Tangorra, la novità rispetto ad altri strumenti anti-povertà sarà la possibilità di prelevare dei contanti e non solo il pagamento di determinate prestazioni.


Tangorra ha inoltre specificato che un'altra novità importante del Rei - che associa al sostegno economico un progetto personalizzato obbligatorio di "attivazione e inclusione sociale" - sarà il trasferimento ai comuni una quantità rilevante di risorse finalizzate alle attività connesse all'erogazione della misura.

Ascolta anche

Noi per voi