11/05/2016

Nessun italiano per il Milan. Avanti i cinesi

"Da un anno cerco di vendere il Milan, magari in buone mani, possibilmente italiane"...

  • di Dario Ricci

"Da un anno cerco di vendere il Milan, magari in buone mani, possibilmente italiane". Parole di Silvio Berlusconi, una manciata di giorni fa. Ma ora il presidentissimo ha detto sì. E allora la firma sul mandato a vendere da parte dell'amministratore delegato di Fininvest, Pasquale Cannatelli, al termine del consiglio di amministrazione, è stata solo una formalità. I cinesi sono pronti ad appropriarsi della stanza dei bottoni del Diavolo. L'accordo prevede un mandato in esclusiva di 45 giorni per la vendita del 70% del Milan su una base d'offerta di 500 milioni.

Svanita l'irritazione degli orientali per quel videomessaggio del presidente, che si augurava di cedere il Milan magari in mani italiane. L'accordo prevede comunque una exit-strategy per Berlusconi, che può ancora fare marcia indietro e tenersi la squadra. Per il prossimo mese ad essere però bloccato sarà il Milan: niente mercato, né acquisti, né cessioni, mentre i rossoneri guidati da Brocchi proveranno a strappare la Coppa Italia alla Juventus. Sarebbe il modo migliore per incamminarsi verso la Grande Muraglia.

Noi per voi