25/09/2017

Germania, Merkel resiste, ma sfinisce la Grosse Koalition. L'estrema destra in Parlamento

Berlino - Drei, zwei, eins...Con un collettivo conto alla rovescia in Alexanderplatz...

  • di Raffaella Calandra

Berlino - Drei, zwei, eins...Con un collettivo conto alla rovescia in Alexanderplatz, la Germania entra nella sua nuova era politica. Sempre sotto la guida di Angela Merkel, ma con meno stabilità e con più paura. Ora che nel Bundestag ritorna l'estrema destra.
C'è nelle urne tutta la protesta dei tedeschi, contro i partiti storici, che subiscono la peggior sconfitta dal 1950, e a favore invece di un movimento populista xenofobo, Alternative fuer Deutschaldn, che dovrebbe sedere in Parlamento con 87 deputati. E con "l'intenzione proclama il leader Alexander Gaudel di cambiare il Paese". Di sicuro, sono subito cambiati gli equilibri, con la fine della Grosse Koalition con l'unione cristiano democratica annunciata da Martin Schulz, davanti alla prevista batosta della sua Spd. Ma a lui, e al senso di responsabilità, fa appello la quattro volte cancelliera, a cui altrimenti resterebbe solo l 'ipotesi di un patto- traballante- con verdi e liberali.
"Ci aspettavamo di più, ma Cdu e Csu restano la principale forza in Germania", si consola Frau Merkel in Konrad Adenauer Haus, sede della Cdu,, mentre Schulz fa il mea culpa per questo giorno "amaro e difficile"- dice, in cui forze con simpatie neonaziste entrano in Parlamento. "Finalmente ci sarà un'opposizione", esultano dal Traffic club di Alexanderplatz i fan di Alternative fuer Deutschland, mentre da fuori sale la protesta di una "Berlino che odia l'Afd", per dirla con gli slogan dei più giovani. La frattura della nuova Germania è anche qui.

Noi per voi