09/07/2019

Il Divino Federer non abdica: Berrettini ko e sogno rimandato

Una lezione utile. Lo porta a spasso per il giardino di casa, Roger Federer a Matteo Berrettini ...

  • di Dario Ricci

Una lezione utile. Lo porta a spasso per il giardino di casa, Roger Federer a Matteo Berrettini, neanche fosse uno dei quattro gemellini del campione svizzero. Solo che il giardino è il centrale di Wimbledon, e le quelle che rimedia il 23enne romano non sono affettuose carezze, ma schiaffi veri e sonori, seppur ammantati dalla leggiadra eleganza del divino. 6-1, 6-2, 6-2 in 74 minuti, e i sogni con cui Matteo era andato a letto alla vigilia vanno in frantumi. Il poco che non riesce a Federer, lo fa l'atmosfera intorno e dentro al tempio del tennis, che stordisce e incanta l'azzurro. Poco male, si rifarà, come gli ha augurato roger e un altro che su quell'erba qualcosina di buono lo ha fatto, tale John McEnroe. Il segreto per trasformare la batosta in lezione, forse, è proprio quello: pensare che è stata solo la prima volta, su quell'erba magica, non di certo l'ultima.

Noi per voi