04/02/2016

Disabili. In arrivo la legge "Dopo di noi"

Un provvedimento atteso da anni - che ora passa al vaglio del Senato - e che risponde all'angoscioso quesito di numerose famiglie italiane...

  • di Adriana Fracchia

Con 374 voti a favore, 11 astenuti e 75 contrari - tra cui il no del M5stelle - è stata approvata dalla Camera la legge "Dopo di noi". Un provvedimento atteso da anni - che ora passa al vaglio del Senato - e che risponde all'angoscioso quesito di numerose famiglie italiane: chi si occuperà di mio figlio disabile una volta che sarò morto? Secondo le stime dell'Istat, il 25,5% degli italiani, ovvero oltre 13 milioni di individui, soffre di una disabilità, e circa 3 milioni di questi, di disabilità gravi. E l'urgenza di dare una risposta a tutto questo, ha spinto una cordata bipartisan Pd-Lega a presentare la proposta di legge sul "Dopo di noi". Il presidente della Commissione Affari Sociali della Camera, Mario Marazziti, ha spiegato che "con un Fondo pubblico di 90 milioni per il 2016 e i primi 150 milioni nel triennio, le Regioni e tutti i soggetti interessati potranno garantire percorsi personalizzati per i disabili gravi dopo la morte dei genitori. Il M5S - che ha votato contro - parla di un favore alla lobby delle assicurazioni e ai privati. Affidando all'iniziativa privata un tema delicato come quello del `dopo di noi - dicono i grillini - si accresce la forbice sociale tra ricchi e poveri e per l'ennesima volta lo Stato arretra e viene messo da parte rispetto alla tutela della salute dei suoi cittadini. Per Elena Carnevali, deputata del Pd e relatrice della legge, si tratta invece di "un grande risultato perché finalmente si risponde al desiderio dei genitori di assicurare al proprio figlio tutte le cure e l'assistenza di cui necessita dopo la loro morte. Il valore più grande del voto di oggi è proprio nell'aver introdotto un cambio culturale e di direzione nei confronti della disabilità grave" ha aggiunto Elena Carnevali.

Noi per voi