11/05/2016

Corsia preferenziale ai processi di corruzione, il senatore Falanga: "I cittadini hanno il diritto di conoscere i disonesti"

  • di Edoardo Sirignano

Arriva il lodo Falanga. I processi per reati contro la pubblica amministrazione, dalla corruzione alla concussione, avranno una corsia preferenziale. Il disegno di legge, presentato dall'esponente del Movimento per le Autonomie, potrebbe ricomporre la frattura sul tema della prescrizione, inserito nella riforma del processo penale ora all'esame di Palazzo Madama dopo l'approvazione alla Camera dei Deputati.

"Il cittadino - dichiara il senatore Ciro Falanga - ha il diritto di sapere se il proprio amministratore o il politico che ha votato è una persona onesta oppure è un corrotto. E' un modo, inoltre, per realizzare un giusto processo in tempi ragionevoli, come più volte ribadito dal premier Renzi. L'obiettivo è far crescere quanto prima il numero delle sentenze emesse. Se tale strumento verrà utilizzato senza particolari stravolgimenti, sono certo che darà un contributo fondamentale per combattere i disonesti ".

Se non abbinato alla riforma, il ddl Falanga, comunque, verrà trasformato in emendamenti. "Sono certo di trovare l'assenso dell'intera maggioranza. Io penso di aver effettuato in modo onesto un lavoro utile a tutti, ma ognuno è libero di decidere senza forzature. Io penso che il provvedimento, comunque, porta vantaggi per l'intera collettività".

Noi per voi