23/03/2016

Caccia agli attentatori di Bruxelles

Najim Laachroui è stato catturato ad Anderlecht. È il terzo uomo che compare nella foto della videosorveglianza...

  • di Daniele Biacchessi

Una cosa è certa.
Najim Laachroui è stato catturato ad Anderlecht. È il terzo uomo che compare nella foto della videosorveglianza dell'aeroporto insieme ad altri due vestiti di nero e morti nell'attacco suicida, considerato l'artificiere degli attentati a Bruxelles e a Parigi. L'arresto è stato eseguito dalla direzione delle Unità Speciali (Dsu) del Belgio.

L'altro dato certo è che gli altri kamikaze identificati dalla polizia sono i fratelli Khalid e Ibrahim El Bakraoui. Secondo la tv pubblica belga Rtbf, i due presunti jihadisti si sarebbero fatti saltare in aria in due posti diversi: Brahim El Bakraoui all'aeroporto, Khalid, invece, nella metropolitana di Maelbeek.

Dalle indagini degli investigatori è emerso che il covo terroristico nella zona di Schaerbeek, dove ieri è stata trovata una bomba con chiodi, prodotti chimici e una bandiera dello Stato Islamico, è stato scoperto grazie al tassista che ha portato i tre sospetti all'aeroporto di Zaventem: l'uomo era rimasto sorpreso che i tre non gli avessero lasciato toccare le loro valigie.

Il bilancio quasi definitivo degli attentati di ieri è di 31 morti e di almeno 250 feriti, molti versano in gravi condizioni. Intanto la Farnesina ritiene molto probabile che ci sia un'italiana tra le vittime degli attentati di Bruxelles. L'ambasciata italiana è in contatto con la famiglia per le necessarie procedure di riconoscimento.

Segui la diretta, gli approfiondimenti, le breaking news di Radio 24 .

Noi per voi