Welfare Aziendale: per 6 lavoratori su 10 welfare aziendale è meglio di un aumento del salario | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Lavoro e welfare

Welfare Aziendale: per 6 lavoratori su 10 welfare aziendale è meglio di un aumento del salario

Welfare aziendale questo sconosciuto, ma non è da sottovalutare perchè potrebbe essere pari a quasi una mensilità di stipendio in più all'anno per lavoratore. Infatti solo il 17,9% degli occupati sa esattamente cos'è, il 58,5% lo conosce solo per grandi linee e il 23,6% non lo conosce. Ma per 6 lavoratori su 10 welfare aziendale è meglio di un aumento del salario.

È quanto emerge dal 1° Rapporto Censis-Eudaimon sul welfare aziendale realizzato in partnership con Fondazione Censis e con il contributo di Credem, Edison e Michelin. Un mercato potenziale importante: se esteso a tutti coloro che sono impiegati nel settore privato varrebbe 21 miliardi. Ma sono favorevoli soprattutto i dirigenti, i laureati e gli occupati con redditi elevati, meno consenso tra operai e lavoratori con stipendi bassi, alle prese con una «fame» arretrata di reddito. E bisogna evitare che venga percepito come un premio che aiuta soprattutto i livelli occupazionali più alti.

Rating:
Il welfare aziendale può davvero diventare un elemento integrativo del welfare pubblico e può essere realizzato non solo dalle grandi aziende ma anche dalle pmi.
Rating:

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast