La scalata delle donne ai vertici dei clan | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

La scalata delle donne ai vertici dei clan

L'ultima aveva avuto il compito di riorganizzare Cosa Nostra. Figlia di un capomafia, moglie di uno storico boss, era Mariangela Di Trapani al vertice del mandamento di Resuttana.
Negli anni, le donne le abbiamo viste sedute a terra, vestite a lutto, a vegliare corpi coperti da lenzuola bianche. O gridare nella folla, per acclamare l'ultimo boss arrestato. Loro possono invocare il perdono, nelle guerre degli uomini, ma all'opposto possono impartire ordini di morte. Camminano fiere nelle strade dei loro paesi o restano chiuse nelle roccaforti delle loro case. "Essere donna a sud di Gomorra è complicatissimo", ha scritto Roberto Saviano. E' effettivamente così, per la maggioranza. Ci sono però anche donne che sono diventate più potenti, spietate e determinate dei loro padri, fratelli e mariti. E li hanno sostituiti, dopo l'arresto. La più nota forse è Rosetta Cutolo, sorella del capo di quella che era la Nuova Camorra organizzata. Ma sono state tante le donne negli anni ad aver garantito la continuità delle mafie. E una di queste- senza dubbio- è stata Giusy Vitale, la prima boss in gonnella di Cosa Nostra, arrivata a gestire un intero mandamento. Nella stagione in cui trattava con Brusca, Bagarella e Messina Denaro. Un racconto dall'interno della scalata dei vertici di Cosa Nostra, mentre sempre più donne si rivolgono ai Tribunali per dare una nuova opportunità ai loro figli .

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast