'Ndrangheta, sos al giudice per sfuggire a nozze forzate. Storie dal Tribunale che toglie i figli ai boss | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

'Ndrangheta, sos al giudice per sfuggire a nozze forzate. Storie dal Tribunale che toglie i figli ai boss

Uno degli ultimi casi è quello di una ragazza. Un'adolescente, a cui la famiglia voleva imporre un matrimonio forzato. Un'altra delle spose bambine, per patto di 'ndrangheta. Ma lei si è ribellata e ha chiesto aiuto al Tribunale dei Minorenni di Reggio Calabria. Come fanno sempre più spesso le madri di 'ndrangheta.
Sono già 50 i figli di famiglie criminali, allontanati - su ordine della magistratura- dal proprio contesto, in cerca di un'altra chance di vita. E sempre più spesso sono proprio le loro madri a chiederlo. "Se questi provvedimenti ci fossero stati anche ai miei tempi, io forse non sarei qui", ha scritto dal carcere duro un boss condannato a molti anni di detenzione. E questa, per il presidente del Tribunale, Roberto Di Bella, è stata "la conferma di essere sulla strada giusta".

Rating:

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast