P2P lending: il prestito nell'era dei social | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

P2P lending: il prestito nell'era dei social

Ancora poco conosciuto in Italia, il peer to peer lending ha ormai superato i 100 miliardi di dollari di scambi nel mondo. Si tratta di una forma di prestito diretto tra privati (seppure per cifre limitate) che avviene per mezzo di piattaforme regolamentate e vigilate dalla banca d'Italia le quali si occupano di vagliare le domande di finanziamento e redistribuire il rischio tra i prestatori; e per queste attività incassano una commissione.

Queste piattaforme non sono né banche né finanziarie ma puri intermediari e come tali hanno costi di gestione molto più bassi che rendono possibile erogare prestiti a tassi inferiori e offrire interessi più alti ai prestatori.
Il P2P lending cresce a tre cifre soprattutto nel mondo anglosassone e in Cina, e rappresenta un fenomeno simbolo del paradigma della sharing economy.

Ne parliamo con Francesco Sacco, docente di Strategia aziendale presso l'Università dell'Insubria di Varese e la SDA Bocconi di Milano.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast