Liliana Segre. La bambina cacciata da scuola ora entra in senato | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Liliana Segre. La bambina cacciata da scuola ora entra in senato

Ci riceve nella sua elegante casa milanese Liliana Segre, 87 anni, instancabile testimone degli orrori della shoah.
Nel 1938, a seguito delle leggi razziali, fu espulsa da scuola.
Il 30 gennaio 1944 venne deportata dal Binario 21 della stazione Centrale di Milano al campo di sterminio di Auschwitz-Birkenau. Fu separata dal padre, che non rivide mai più e che sarebbe morto il 27 aprile. Anche i suoi nonni paterni furono deportati ad Auschwitz, dove morirono due mesi dopo.
Liliana Segre per molti anni non è riuscita a parlare della sua esperienza. Poi però ad un certo punto ha iniziato a raccontare e non ha più smesso. Incontra centinaia di ragazzi nelle scuole.
Il 19 gennaio è stata nominata senatrice a vita dal presidente Mattarella. E lo straordinario viaggio che è la sua vita prosegue in Parlamento, in un momento in cui dalla bocca di diversi politici rispunta la parola razza, razza bianca.

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast