L'espresso nello spazio e nuovi canali di business per le PMI | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

L'espresso nello spazio e nuovi canali di business per le PMI

Ricordate la notizia dell'ISSpresso, il caffè espresso della Lavazza offerto sulla stazione orbitale IIS a Samantha Cristoforetti e agli altri cosmonauti americani e russi? Lo ha permesso una piccola azienda italiana aerospaziale, la Argotec di Torino. Fondata e tuttora condotta da David Avino, ha fatto della contaminazione uno dei principi cardine del proprio sviluppo tecnologico: applicare le proprie competenze in ambiti differenti per vedere il proprio mondo da una angolazione differente; scoprire nuovi ambiti di applicazione delle proprie conoscenze e capacità, pensare diversamente per giungere a risultati inaspettati. È proprio grazie a questo approccio, ci ha raccontato David ai microfoni di #RadioNext, che sono riusciti a registrare alcuni brevetti che oggi vedono applicazione in campi molto distanti da quello di studio e prima applicazione. Generare business passa anche da sfide inaspettate.
Lo stimolo di lavorare in contesti guidati da culture differenti, quelli delle aziende di grandi dimensioni ha fatto il resto: non è stato facile trovare ascolto presso una azienda tradizionale, ma quando Argotec ha mostrato non solo il progetto sulla carta ma anche il suo stato di avanzamento, l'interesse è cresciuto fino alla decisione di sposarlo e diventarne sponsor. Per superare le ritrosie e i dubbi che una multinazionale pone sul tavolo è necessario andare oltre la semplice idea: bisogna essere pronti a realizzarla con o senza sponsor, rischiando in proprio. Questo approccio fortemente imprenditoriale alla contaminazione e innovazione, secondo Avino, è la chiave vincente per poter collaborare con interlocutori che possono aprire mondi nuovi sui quali sperimentare ed imparare. Non che la European Space Agency, la NASA o la più italiana ASI, tutti interlocutori con cui Argotec costantemente collabora, non siano contesti sfidanti da cui trarre insegnamento. Sono i loro primi clienti. Ma come sempre accade, la discontinuità si trova anche e soprattutto ricevendo stimoli nuovi, lontani dalle "zone di confort" alle quali siamo abituati.
E a proposito di cultura del rischio, Avino sottolinea come l'approccio "zero tolerance error" proprio della NASA sia quanto di più lontano possa essere utile per crescere: il suo team, con un'età media di 28 anni, è invitato a provare, prendendosi il rischio di sbagliare e condividere per raccogliere informazioni fondamentali che possano evitare di ripetere l'errore, soprattutto in contesti, come quello spaziale, dove non c'è sempre Tom Hanks e il suo proverbiale amplomb a risolvere un problema.

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast