La Milano di Peterson e il Triplete dei canestri | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

La Milano di Peterson e il Triplete dei canestri

Tempo di triplete, cioè la conquista di titolo e coppa nazionale più una coppa internazionale. nel calcio c'è chi lo ha fatto, chi lo sogna, chi lo accarezza, chi lo maledice. Ma proprio 30 anni fa, sul parquet di basket, c'è stata una squadra che il triplete lo realizzò lasciando un' impronta indelebile nello sport italiano e mondiale. Il tutto in appena un mese, tra il 26 marzo e il 25 aprile1987. quella squadra era l'Olimpia Milano, sponsorizzata Tracer, guidata in panchina dal leggendario Dan Peterson, e con in campo campioni come D'Antoni, Meneghin, Mc Adoo, Premier ma anche talenti emergente stranieri sorprendenti. E' questa la storia che riviviamo oggi a Olimpia, a partire dal 26 marzo del 1987, quando a Bologna Milano affronta la Scavolini Pesaro nella finale di Coppa Italia.
Tra prodezze e sgomitate, Milano riesce a portare a casa il trofeo in volata: 95 a 93. Ma per i lombardi c'è poco tempo per festeggiare. neppure una settimana dopo, il 2 aprile del 1987, sono nella gelida palestra di Losanna, a contendere agli israeliani del Maccabi Tel Aviv la Coppa dei Campioni. Alla sirena esplode la gioia dei tifosi milanesi: Milano è di nuovo campione d'Europa, 21 anni dopo, grazie al 71-69 finale.
E' il 25 aprile 1987: al Palatrussardi di Milano, La Tracer batte la Mobilgirgi Caserta in gara-3 della finale scudetto per 84 a 82, e conquista il terzo scudetto consecutivo, copmpletando così, dopo i successi in Coppa Italia contro la Scavolini Pesaro, e in Coppa Campioni contro il Maccabi Tel Aviv, uno straordinario triplete. Incredibile l'epilogo della partita decisiva: Milano va sotto di 19 punti, e subisce i tiri letali del brasiliano Oscar e la talentuosa regia del giovane Nando Gentile. Ma un altro talento, già decisivo nella campagna europea, esplode in tutta la sua classe: Riccardo Pittis, che trascina Milano alla rimonta. "L'eredità di quella squadra? - ricorda oggi Pittis - E' proprio nel concetto steso di squadra, nell'unità di quello spogliatoio fatto di campioni incredibili, eppure umili e affamati di vittoria"...


"Quella contro Milano fu una sconfitta amara - sottolinea Nando Gentile, play di quella Caserta che aveva in Oscar il suo straordinario cannoniere - ma anche attraverso quella delusione riuscimmo a porre le basi di un'altra Caserta, che con molti protagonisti in comune seppe conquistare il tricolore pochi anni dopo, nel 1991"...

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast