Guerra ai tacchi? | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Guerra ai tacchi?

In Giappone le donne hanno cominciato a protestare contro la consuetudine, che in realtà è un obbligo, di indossare i tacchi alti al lavoro, ritenuti insopportabili e fastidiosi.
La campagna antitacchi si chiama #KuToo (si pronuncia kutooo) e la petizione lanciata sul web ha raggiunto
20.000 firme in pochi giorni.
Vogliamo sapere se l'uso del tacco alto per le donne sia una consuetudine ormai da superare anche alle nostre latitudini. Quante donne non vedono l'ora di sfilarsi le scarpe con i tacchi alti?
Vediamo come si schierano i nostria scoltatori e ascoltatrici tra:
1 - Balleriniste antitacchiste - Inutile negarlo, i tacchi alti per le donne sono una tortura e fanno male
alla schiena, sarebbe ora che gli uomini ne prendessero atto in modo che le donne siano lasciate libere di sembrare meno slanciate.
2 - Tacchiste seduttrici - I tacchi rendono le donne più belle, e per questo esistono, il fastidio si può anche
sopportare, non è un dramma, visto che le donne ricorrono a ben più dolorose pratiche in nome dell'estetica.
3 - Tacchiste pariobbligazioniste. Se le donne devono sopportare il fardello dei i tacchi è giusto che anche gli uomini si adeguino indossando sempre la camicia e cravatta rinunciando a canotte mostra pelo e altre oscenità in nome della comodità.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast