Battista: il populismo nasce con il giustizialismo facile di Mani Pulite | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Battista: il populismo nasce con il giustizialismo facile di Mani Pulite

Ogni volta che qualcuno invoca maggiori controlli alle frontiere o si lamenta per la crescita esponenziale di furti e stupri commessi da extracomunitari e quasi sempre impuniti, si parla di pericolo populismo. Ma chi ha vista la serie televisiva 1993 con la sua celebrazione dei giudici di Tangentopoli, può rendersi facilmente conto che la tanto vituperata ‘deriva populista' è nata proprio con il facile giustizialismo di Mani pulite – commenta Pierluigi Battista nell'editoriale "Il populismo di oggi e quello del 1993" (dal Corriere della sera del 29 maggio).

Alternanza scuola-lavoro: per la maggior parte degli studenti non funziona
Introdotta nel 2003 e diventata obbligatoria a partire dall'anno scolastico 2015-16, l'alternanza scuola lavoro prevede un percorso formativo presso le imprese, con lo scopo di fare acquisire agli studenti una serie di competenze che dovrebbero facilitarne l'inserimento nel mondo del lavoro. Si tratta di 200 ore di attività per gli studenti del liceo e di 400 ore per gli studenti degli istituti professionali. Ma come scrive Salvo Intravaia nell'articolo "Alternanza scuola lavoro, bocciate 2 imprese su 3" (dal Venerdì di Repubblica del 26 maggio), molti studenti non sanno ancora cosa sia l'alternanza, mentre due imprese su tre non hanno ancora manifestato interesse per questa iniziativa, costringendo le scuole a ripiegare su scelte non sempre consone al percorso di studi degli studenti. Sulla Repubblica del 30 maggio, Intravaia torna sull'argomento alla luce dei risultati di un inchiesta, presentata martedì scorso e portata avanti dall'Unione degli studenti, realizzata su un campione di 15 mila ragazzi che frequentano le scuole superiori di nove regioni italiane. Nell'articolo "Alternanza scuola-lavoro, due anni deludenti: il 57% degli studenti confessa ‘Non funziona'" (da La Repubblica del 30 maggio) Intravaia sottolinea come il 57 per cento degli studenti intervistati dichiara di avere partecipato a percorsi di alternanza scuola-lavoro non inerenti al proprio percorso di studi, mentre quattro studenti su dieci dicono di non essere stati seguiti da un tutor o di non essere stati messi nelle condizioni di studiare.

Breve storia della direzione d'orchestra
Nel mondo della musica classica, i direttori d'orchestra sono quelli che godono della maggiore popolarità, dopo i cantanti d'opera. Ma nello stesso tempo sono anche le figure meno comprese e meno apprezzate, e periodicamente c'è chi si domanda se siano davvero indispensabili – scrive Andrew Green nell'articolo "Una breve storia della direzione d'orchestra" (dal numero di maggio del mensile BBC Music Magazine), dove ricostruisce l'evoluzione del ruolo del direttore d'orchestra nel corso dei secoli.

Arriva l'app che riconosce le ricette dei piatti fotografati
Da Pinterest, il più popolare social network di condivisione di fotografie, arriva Lens, un'applicazione che permette di inquadrare un piatto con lo smartphone e ricevere subito la descrizione degli ingredienti e della ricetta – come accennato nell'articolo di Linkpop "Vedere un piatto e scoprirne la ricetta: ecco l'app che funziona come Shazam" pubblicato il 31 maggio sul sito Linkiesta.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast