Finché vedrai sventolar bandiera nazi | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Finché vedrai sventolar bandiera nazi

Il dibattito sul pericolo di una deriva fascista non riposa mai, nemmeno nel weekend. A Firenze una telecamera ha ripreso l'interno della stanza di una caserma dei carabinieri, dove era appesa una bandiera del secondo Reich tedesco.
Nei giorni scorsi un fotomontaggio ha fatto il giro del web. Il soggetto della foto è Matteo Salvini, ritratto come ostaggio delle brigate rosse. Abbiamo sentito Davide Codenotti, amministratore della pagina Vento Ribelle su Facebook.
Un evergreen del dibattito politico è la possibilità di rivedere la legge sulle droghe leggere. Ne parliamo con il senatore Maurizio Gasparri.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast