Da "C'era un ragazzo" a "Dio è morto" | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Da "C'era un ragazzo" a "Dio è morto"

Ancora un appuntamento con la storia d'Italia raccontata attraverso le canzoni più amate. Nella terza puntata, viviamo i primi fermenti dei movimenti di protesta e dell'antimilitarismo. Anche Gianni Morandi continua a cantare i giovani, ma non sono più gli anni spensierati del boom. Arrivano i nuovi cantautori come Fabrizio De Andrè a Francesco Guccini: la canzone diventa "impegnata".
Nel nuovo contesto economico e culturale, intanto, si comincia ad affermare anche un'inedità libertà sessuale. Le nuove donne della canzone, da Patty Pravo a Mia Martini, raccontano una nuova femminilità, nel momento della rottura con l'immagine tradizionale dell'angelo del focolare domestico. Educazione sessuale, autocoscienza, contraccezione, aborto: tra gli anni '60 e i '70 tante cose cambiano per le donne. La Chiesa, dal canto suo, si rinnova con il Concilio Vaticano II.

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast