Abu Musab Al Zarqawi, lo sceicco dei macellai | Radio24
Ora in diretta

Condotto da

Abu Musab Al Zarqawi, lo sceicco dei macellai

Prima di Al Baghdadi e della nascita dell'ISIS c'era Al Zarqawi: nato in Giordania, finisce in prigione per piccoli furti e sfruttamento della prostituzione, ma è destinato a diventare l'uomo di Osama Bin Laden in Iraq e si trasformerà in uno dei jihadisti più violenti e ricercati del pianeta. Nel 2004 è Al Zarqawi a far inorridire il mondo con il video della decapitazione dell'ostaggio civile americano Nicholas Berg, e sarà sempre lui la mente dietro una serie di attentati a Casablanca e Istanbul. Nemico giurato dei reali di Giordania, li colpirà al cuore con gli attacchi di Amman del 2005, nei quali moriranno oltre 60 persone. Definito "il nuovo volto di Al Qaeda", gli Stati Uniti spiccheranno su Al Zarqawi una taglia da 25 milioni di dollari. Verrà ucciso nel 2006 in un bombardamento, lasciando in eredità la struttura che poi si trasformerà nell'ISIS.

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast