Fabrizio Onida: in Italia mancano capitalisti coraggiosi | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Fabrizio Onida: in Italia mancano capitalisti coraggiosi

Siamo in un mondo nuovo, abbiamo davanti un futuro che dobbiamo costruire. Ne parliamo con Fabrizio Onida, docente emerito di Economia Internazionale all'Università Commerciale "Luigi Bocconi" di Milano e, tra le varie cariche assunte durante la sua carriera, Consigliere del CNEL.

Una delle esperienze più incisive che il Professore ricorda con nostalgia è quella nel "Gruppo di Lavoro di Ancona" messo in piedi dall'economista Giorgio Fuà, per creare il cosiddetto "modellaccio", un modello econometrico piuttosto rudimentale, ma efficace, di simulazione dell'economia italiana. Momenti in cui si stimavano delle equazioni e si confrontavano i risultati econometrici ottenuti, ragionandoci insieme in un clima amichevole.

Ora in Italia la situazione è completamente diversa rispetto al passato. Si è perso interesse verso l'economia reale e sono sempre meno le grande imprese e i capitalisti. Dall'altra parte, le piccole imprese si sono evolute sempre più, dando vita al cosiddetto "quarto capitalismo". La maggior parte dei beni e delle aziende si sono internazionalizzati, spostandosi all'estero, tra luci e ombre. Fabrizio Onida ci spiega come uno dei maggiori ostacoli che le aziende incontrino andando all'estero sia la dimensione: dimensioni troppo piccole delle aziende non consentono di internazionalizzarsi a causa dei costi fissi necessari ad entrare sui mercati internazionale: costi di informazione, di insediamento e legati ai canali distributivi. In più, secondo il nostro ospite, per vendere il "Made in Italy" non basta diventare esportatori, ma essere presenti sul territorio, almeno come rete distributiva e uffici di assistenza post-vendita. Gli elementi per essere ottimisti ci sono, ma bisogna essere realisti: capaci di influenzare il mercato ed eleggere come rappresentati del popolo persone serie e dedicate.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast