Uccide il figlio ma è adottato: pena più lieve | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Uccide il figlio ma è adottato: pena più lieve

Ha ucciso il figlio ma essendo adottivo e non naturale viene meno l'aggravante della familiarità che avrebbe potuto costargli l'ergastolo. E' una pronuncia della Cassazione a ricordare che il Codice penale prevede ancora questo distinguo e ora il processo a carico del moldavo Andrei Talpis è da rifare. Ne parliamo con il legale dell'uomo, l'avvocato Roberto Mete insieme a Ciro Cascone, procuratore presso il Tribunale per i Minorenni di Milano.
A seguire ci spostiamo a Napoli dove l'ex proprietario dell'Hotel Britannique ha ottenuto una drastica riduzione della Tarsu da pagare perché gli è stato riconosciuto il danno derivante dall'emergenza rifiuti degli anni passati. Nella seconda parte del programma, invece, spazio a un Funambolo che da barbone di strada è diventato miliardario grazie a delle eredità e una finestra sul mondo del lavoro: ex sindaco di Alessandria, Maria Rita Rossa, su polemica intitolazione liceo a Umberto Eco.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast