Fondo di solidarietà Ue, 277 milioni per i danni del maltempo 2018 | Radio24
Ora in diretta

Condotto da

Fondo di solidarietà Ue, 277 milioni per i danni del maltempo 2018


Rating:

La commissione Bilancio del Parlamento europeo ha dato il via libera a larghissima maggioranza (35 sì, 1 voto contrario e 3 astensioni) alla proposta della Commissione Ue di stanziare risorse del Fondo europeo di solidarietà per 15 regioni italiane dopo i danni causati nel 2018 da piogge, frane e alluvioni. Lo sblocco di 277,2 milioni di fondi europei dovrebbe essere approvato entro due settimane in via definitiva dalla plenaria. In prima fila c'è il Nordest, dove fra sabato 27 ottobre e le prime ore di martedì 30 si è abbattuta la tempesta Vaia, con raffiche di scirocco fra i 150 e i 200 chilometri orari, forti piogge e l'abbattimento di migliaia di ettari di foreste, oltre a frane e interruzioni stradali, con danni a infrastrutture idrauliche ed energetiche.

La procedura. Il Fondo di solidarietà europeo è stato usato altre volte dall'Italia. In 16 anni, è stato utilizzato 80 volte per inondazioni, incendi forestali, terremoti, tempeste e siccità. Finora sono stati erogati oltre 5 miliardi di euro a favore di 24 Paesi europei. L'Italia è di gran lunga il principale paese beneficiario: dai terremoti di Molise, Abruzzo e Emilia-Romagna alle alluvioni del 2010 in Veneto e altre catastrofi, per un totale di oltre 2,5 miliardi di euro di aiuti sul territorio nazionale. Il 12 novembre, in sessione plenaria a Strasburgo, la questione dell'accesso a questo fondo era stata sollevata per la prima volta dai parlamentari europei. La richiesta, però, andava fatta dal Governo: per questo, nel 29 marzo 2019, una interrogazione parlamentare a firma Remo Sernagiotto, Raffaele Fitto, Innocenzo Leontini e Stefano Maullu (tutti di Ecr) chiedeva conto sullo stato della domanda di attivazione e i relativi importi. (A cura di Barbara Ganz).

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast