Fisco - Battaglia navale Francia-Italia - 5 anni dopo il "whatever it takes" | Radio24
Ora in diretta

Condotto da

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

Fisco - Battaglia navale Francia-Italia - 5 anni dopo il "whatever it takes"

Fisco - Il tasso di evasione italiano era pari nel 2014 al 13% del Pil, con il picco negativo della Calabria, dove la percentuale sale oltre il 21%. E' quanto emerge dalle stime contenute nel rapporto di Confcommercio sull'economia sommersa. La situazione e' molto differenziata a livello regionale, tanto che, se tutta l'Italia si adeguasse alle condizioni delle regioni piu' virtuose come Trentino ed Emilia Romagna (stesso senso civico, stessa facilita' di adempimento spontaneo, stessa deterrenza e livello di aliquote locali), sarebbero recuperabili quasi 43 miliardi di evasione su un tax gap totale che Mef e Istat stimano in circa 110 miliardi.

Battaglia navale Francia-Italia - Si complica la gia' difficile partita che potrebbe portare Fincantieri a gestire gli storici cantieri navali di Saint-Nazaire, i piu' importanti della Francia. Fincantieri ha acquisito dal Tribunale di Seul il 66,66% della societa' Stx Francia che gestisce i cantieri francesi ma l'accordo che aveva raggiunto con Hollande per l'assetto societario della stessa Stx (che prevedeva la maggioranza assoluta in mani italiane, fra Fincantieri e Fondazione CrTrieste) è stato messo in discussione da Macron, che ha chiesto di ridiscuterlo.

5 anni dopo il "whatever it takes" - Sono passati 5 anni da quando Mario Draghi a Londra pronunciò la celebre frase "Nei limiti del nostro mandato, la Bce è pronta a fare tutto il necessario per salvare l'euro. E, credetemi, sarà sufficiente". Quando pronunciò queste parole, Draghi aveva il chiaro obiettivo di mettere fine all'ondata di speculazioni sulla tenuta dell'Unione monetaria che rischiavano di spazzare via i Paesi più deboli dell'area dell'euro con i loro debiti vicini ormai al collasso. Non aveva, il presidente della Bce, probabilmente idea delle conseguenze che quelle due scarne frasi, passate ormai alla storia come il celebre discorso del «whatever it takes», avrebbero avuto sui mercati finanziari.

Ospiti: Mariano Bella, dir centro studi Confcommercio, Celestina Dominelli Sole 24 Ore, Jean Paul Fitoussi, Prof Institute des étudies politiques di Parigi e Univ Luiss, pres centro studi osservatorio francese di congiuntura economica, Francesco Daveri docente politica economica univ. Cattolica di Piacenza.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast