Vincenzo Peruggia, l'uomo che rubò la Gioconda | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Vincenzo Peruggia, l'uomo che rubò la Gioconda

Il 21 agosto 1911, poco dopo le 7 del mattino, il decoratore italiano Vincenzo Peruggia, operaio addetto alla manutenzione delle opere d'arte del Louvre si reca al museo che, essendo lunedì, è chiuso ai visitatori. Va nel Salon Carré dove è esposta la Gioconda di Leonardo da Vinci, stacca il quadro dalla parete, lo avvolge nella giacca e se ne va indisturbato senza aver incontrato nessuno. E' incredibile e assurdo: è appena stato rubato con una facilità estrema il dipinto più famoso del mondo. Peruggia non l'ha fatto, chiaramente, per venderlo, la Gioconda non si può vendere, lo ha fatto per patriottismo: vuole che quel capolavoro ritorni in Italia. Per due anni tiene il quadro con sé, mentre tutto il mondo si interroga sul destino della misteriosa Monna Lisa e poi decide di offrirlo al Museo degli Uffizi di Firenze. Arrestato, viene processato per furto nel 1914, ma gli viene inflitta una condanna mite, solo pochi mesi di carcere, dovuta alle pressioni dell'opinione pubblica favorevole a quell'uomo spinto dall'amor di patria, e anche motivata da una semi infermità di mente che gli viene riconosciuta.
A cura di Simona Capodanno

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast