Fusione nucleare come business per le industrie italiane | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Fusione nucleare come business per le industrie italiane

L'Italia ha forti competenze in campo fisico e nucleare in particolare, che la pongono al centro dei progetti di ricerca per arrivare alla fusione nucleare, la fonte di energia pulita che potrebbe mutare le sorti dell'industria e dell'intera società mondiale. Questo comporta anche investimenti di cui potrebbero godere numerose aziende, con vantaggi in termini di commesse e, soprattutto, di know-how spendibile in numerose altre circostanze. In pratica, si tratta di una occasione per riqualificare il sistema industriale italiano. Per esempio, l'importante Divertor tokamak test facility (DTT) verrà realizzato in Italia. Previsti 500 milioni di investimenti complessivi e oltre 1500 addetti. Nel progetto coinvolte oltre 500 aziende italiane, tra cui Ansaldo Nucleare, ASG superconductors (Gruppo Malacalza), SIMIC, Mangiarotti. Il consorzio EUROfusion finanza il progetto con 60 milioni. Tra le aziende che vi parecipano anche la Tratos, che con 130 milioni di euro di giro d'affari è, dopo Prysmian, il maggior produttore made in Italy di cavi. Tratos è coinvolta soprattutto nelle attività riguardanti la superconduttività.
In questa puntata ne parliamo con Antonio Della Corte di Enea e Albano Bregagni, amministratore delegato di Tratos.

1° MAGNETE ITALIANO PER IMPIANTO A FUSIONE UE-GIAPPONE - Per l'Italia ancora un passo avanti verso la fusione nucleare. ENEA e ASG Superconductors hanno presentato il primo magnete superconduttore per il reattore sperimentale in costruzione in Giappone.

DTT, LA SFIDA ITALIANA PER L'ENERGIA - Il video di presentazione di DTT Divertot Tokamak Test Facility, il progetto da 500 milioni di euro per realizzare in Italia un'infrastruttura strategica di ricerca sulla fusione nucleare.

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast