L'Altra Europa - L’Europa è mobile... | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

L'Altra Europa - L’Europa è mobile...

All'interno dell'UE, la libera circolazione delle persone è una carta vincente. Ma come funziona la mobilità europea in pratica? Come ci si sposta, perché e quali sono gli strumenti che le istituzioni europee offrono ai cittadini che vogliono spostarsi? Francesco Greco, funzionario della Commissione Europea del Direttorato Generale Occupazione, Affari Sociali ed inclusione, spiega che la libera circolazione in Europa non è solo un diritto, ma anche un fattore di crescita economica e un sistema per superare le “strozzature”, gli squilibri che esistono nel mercato del lavoro europeo.

Ci colleghiamo poi in diretta con Francesco Cappè, presidente della Fondazione GaragErasmus, che insieme ad alcuni rappresentanti della generazione Erasmus sta andando “alla conquista” del Parlamento Europeo. Due mini bus, carichi di trenta ex studenti che hanno utilizzato questo strumento di scambio europeo, sono partiti da Pisa e dopo due giorni di viaggio arriveranno a Bruxelles, accolti da un altro gruppo di ex Erasmus provenienti da tutta Europa. Lì lanceranno il progetto “Check-in Europe”, della fondazione GaragErasmus, nato con lo scopo di riunire e collegare grazie al web tutta la generazione Erasmus europea, formata da ex studenti oggi professionisti in ogni campo, per scambiarsi idee, racconti sulla loro visione d’Europa ed esperienze professionali.

Ci spostiamo poi ad Amsterdam, città che dal 2 all'11 Novembre ospita la 71ma sessione internazionale del Parlamento Europeo dei Giovani. Sotto l'alto patronato del presidente della Commissione Europea Barroso, 300 giovani dai 15 ai 26 anni provenienti da più di 36 paesi europei discutono di temi europei. Camille Dugay Comencini. Membro senior del Parlamento, spiega che il Parlamento Giovanile Europeo è un progetto educativo pensato per incoraggiare il pensiero indipendente e l'iniziativa socio-politica e per essere una piattaforma europea per il dibattito politico, gli incontri interculturali e lo scambio di idee tra i giovani in Europa.

Chiudiamo parlando di giovani agricoltori. L’Europa ha bisogno di rinnovare questo settore, che in periodo di crisi è diventato indispensabile e sempre più importante. In molti paesi Europei sono in aumento i giovani laureati che decidono di dedicarsi all’agricoltura. Uno dei Paesi che ha visto un grande aumento di giovani che si dedicano a coltivazioni ed allevamento è la Spagna. Pedro Narro, rappresentante e coordinatore a livello internazionale per i giovani dell’Organizzazione degli Agricoltori Spagnoli, spiega che si tratta di una scelta legata alla disoccupazione ma anche ad una nuova visione dell’agricoltura. [121103-promo-europa.mp3]Ascolta - Crisi e disoccupazione: i giovani spagnoli tornano in campagna....

[/Foto/articoli/europa-spagnalavoro.jpg]

Parliamo anche di Halloween, una festa che è “esplosa” in tutta Europa, anche sfociando nella cronaca, con tristi episodi anche di violenza tra la folla assiepata nelle vie delle città europee. Il turismo legato a questa celebrazione è una novità che sta aumentando la sua portata di anno in anno, in tutte le capitali europee. Uno degli elementi più evidenti è il boom del turismo “cimiteriale”, con i cimiteri storici delle più grandi città d’Europa presi di mira. Parliamo di questa nuova tendenza turistica europea con Leonardo Fusè, storico, esperto di cultura svedese e guida turistica, che ci spiega che a Stoccolma Halloween si celebra anche con una visita guidata al cimitero di Skogskyrkogården, dichiarato patrimonio dell'Unesco per la sua particolarità ed unicità.

Negli Europost it

- Il festival internazionale d'arte e teatro "Segni d’infanzia", che si svolgerà dall'8 all'11 novembre a Mantova dedica quest'anno un'attenzione particolare all'Europa. In collaborazione con la Rappresentanza della Commissione Europea e l’Ufficio del Parlamento Europeo in Italia, il Festival ha in programma "Svolazzando per l'Europa", un'isola europea all'interno della rassegna. - Integrazione europea: ultimi giorni per visitare la mostra di Urbino. Il 20 ottobre ad Urbino è stata inaugurata la mostra fotografica "L'Italia in Europa, l'Europa in Italia - Storia dell'integrazione europea in 250 scatti", curata dal Dipartimento Politiche Europee, dal Comune di Urbino, dalla Cattedra Jean Monnet e dal Centro Europe Direct delle Marche. La mostra ripercorre in 250 scatti i momenti salienti dell'integrazione europea dalla Guerra Fredda a oggi. - Il Concorso europeo per l'innovazione in campo sociale, organizzato dalla Commissione europea in memoria dell'innovatore portoghese Diogo Vasconcelos mira a individuare le migliori soluzioni per aiutare le persone a trovare lavoro o a dare una svolta alla loro carriera. Il concorso invita i cittadini a proporre soluzioni per creare nuove opportunità di lavoro. - Jam session: scambio in Ungheria per comunicatori sociali. L'associazione Scambi Europei cerca 6 partecipanti e 1 leader per prendere parte allo scambio che si terrà in Ungheria, dall'8 al 16 novembre. - Generation Awake, la campagna lanciata dall'Unione Europea per sensibilizzare i cittadini sull'uso responsabile delle risorse, ha organizzato il concorso "Imagine all the water". Per partecipare basta creare un video mostrando quanta acqua serve per produrre oggetti e alimenti d'uso quotidiano.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast