Zamagni: la prudenza non è solo paura di sbagliare, ma è anche la capacità dell'imprenditore di decidere e guardare lontano | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Zamagni: la prudenza non è solo paura di sbagliare, ma è anche la capacità dell'imprenditore di decidere e guardare lontano

Fino al 1500 la prudenza è sempre stata una virtù dominante. Tutto cambia quando Machiavelli derubrica la prudenza da virtù a strumento per la gestione del potere Da allora in economia il prudente è il timoroso, quello che non prende decisioni per paura di sbagliare, mentre in politica è quello che guarda alle prossime elezioni e non alle generazioni future – spiega Stefano Zamagni, autore del libro "Prudenza" (Il Mulino, 128 p., € 12,00). Nell'ultimo quarto di secolo, però, si è risvegliato l'interesse per questa virtù e si è cominciato a capire la differenza tra un problema di scelta e un problema di decisione. Scegliere spesso significa selezionare l'opzione migliore tra quelle già note, sulla base di una certa regola. E' quello che fa il manager, mentre oggi noi abbiamo bisogno soprattutto di imprenditori, che sono quelli che invece hanno la capacità di decidere. Le innovazioni di rottura le può fare solo l'imprenditore, perché il manager non vuole accollarsi il rischio di sbagliare – conclude Zamagni .

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast