Le lauree che rendono di più sono economia, giurisprudenza, medicina e ingegneria. Giù le lauree umanistiche | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Verso il futuro e oltre

Le lauree che rendono di più sono economia, giurisprudenza, medicina e ingegneria. Giù le lauree umanistiche

Università, una scelta che va fatta in base ai propri interessi e passioni, ma con un occhio al mercato del lavoro.
Un dato su tutti. Negli ultimi 15 anni, la disoccupazione dei laureati tedeschi nella fascia d'età 25-39 anni ha oscillato tra il 2 e il 4%, quella degli italiani tra l'8 e il 13%.
L'Italia è poi il paese con il terzo più alto disallineamento al mondo tra i campi di studio scelti dai giovani e le esigenze del mercato del lavoro (dopo Corea del Sud e Inghilterra/Irlanda del Nord) - dice un'analisi triennale condotta da J.P. Morgan e Bocconi.
Utilizzando il database VisitInps scholars, che ha consentito di seguire il percorso lavorativo di tutti i laureati di una grande città italiana fino a 25 anni dopo la laurea, si è calcolato il ritorno economico della scelta universitaria. Le lauree che rendono di più (tra il 70 e il 100% più di una laurea umanistica) sono - nell'ordine - economia e management, giurisprudenza, medicina e ingegneria. L'intervista a Massimo Anelli, economista dell'Università Bocconi e autore dello studio.

Rating:

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast