Educazione finanziaria: Italia al 63° posto | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Educazione finanziaria: Italia al 63° posto

Era il 1946 quando il professor Pierpaolo Luzzatto Fegiz importò per primo in Europa il "sondaggio a campione" messo a segno dall'americano George Gallup, scegliendo un nome simbolo per l'azienda che avrebbe fondato: Doxa, che in greco antico significa "opinione" e che in seguito sarebbe diventato sinonimo stesso di ricerca di mercato. Oggi questa società compie 70 anni e ha raccontato, da un punto di vista privilegiato, la storia del nostro Paese. Con Marina Salamon – Presidente Doxa – ripercorriamo, in particolare, della storia del risparmio degli italiani.
Continuiamo ad osservare il rapporto tra i nostri connazionali e il risparmio, commentando la "classifica sull'educazione finanziaria" curata da Standard & Poor's Ratings Services insieme alla Banca Mondiale, all'Istituto Gallup e al Global Financial Literacy Excelence Center della George Washington University. Un'indagine che vede l'Italia, in quanto a consapevolezza su questi temi, al 63° posto della classifica dietro a nazioni come Senegal, Benin, Togo, Zambia e Madagascar. Ne parliamo con Enrico Marro del Sole 24 ORE.
Infine, con Vitaliano D'Angerio di Plus 24 Il Sole 24 ORE, facciamo il punto sugli argomenti più caldi della settimana economico-finanziaria.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast