Il mito dell'austerità - Una patrimoniale per il debito | Radio24
Ora in diretta

Condotto da

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

Il mito dell'austerità - Una patrimoniale per il debito

La crisi del 2008 ha ridato dignità all'intervento dello Stato in economia. Da lì in poi tutti i partiti hanno (ri)cominciato a reclamare più deficit e più debito fino alle nazionalizzazioni ed al ritorno delle valute nazionali. Ma soprattutto l'abiura dell'austerità. Ne parliamo con Veronica De Romanis, autrice del libro, L'austerità fa crescere, Quando il rigore è la soluzione ribalta la vulgata sull'austerità.

Con l'economia che sta ripartendo all'Italia non resta che affrontare il nodo del debito giunto al 133% del Pil. Altrimenti ci penserà il rialzo dei tassi e la fine del QE (quantitative easing) della Bce.
Ne parliamo con Carlo Milani, economista, direttore di BEM Research, start-up nel campo dei big data e Fabio Scacciavillani, Chief Economist Oman Investment Fund (OIF).

Puntata precedente
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast