Merce pericolosa e mezzi troppo vecchi | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Merce pericolosa e mezzi troppo vecchi

Il disastro di Bologna ha portato alla ribalta la questione del trasporto di merce pericolosa e più in generale ha gettato un faro mediatico sull'intero settore dell'autotrasporto, tra problemi vecchi e nuovi. La sicurezza stradale passa (anche) dalla tecnologia. Quindi occorrono mezzi più moderni. Nel frattempo però l'età media del parco circolante dei veicoli industriali è tra le più alte d'Europa: 11 anni abbondanti. Rinnovare flotte diventa quindi un'esigenza improcrastinabile. Ne abbiamo parlato con Franco Fenoglio, presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae, e Andrea Manfron, segretario generale di Fai.
Nonostante una percezione un po' distorta cala il numero degli incidenti che vedono coinvolti i mezzi pesanti. Lo rivela uno studio elaborato da Centro Ricerche Continental Autocarro come ci spiega Lorenzo Giannuzzi, che ha elaborato la statistica.
In questi giorni si è parlato molto dell'esigenza di potenziare un sistema di trasporto intermodale. In Italia l'86,5 % delle merci viaggia su gomma, dieci punti percentuali in più rispetto alla media europea. Il traffico di merci via ferrovia è in ripresa, grazie anche all'avvento di nuovi operatori privati, ma la quota complessiva non supera ancora il 7 %. L'intervista a Giancarlo Laguzzi, presidente di Fercargo.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast