Piattaforma sul Mediterraneo, l'Italia sempre più al centro delle rotte mondiali | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Piattaforma sul Mediterraneo, l'Italia sempre più al centro delle rotte mondiali

Il raddoppio del Canale di Suez e l'apertura della nuova via della seta costituiscono due grandi opportunità per il nostro sistema logistico. Lo confermano vari dati e analisi ma ora la sfida è intercettare strutturalmente queste rotte con un sistema infrastrutturale e normativo che garantisca di competere con il Nord Europa. Di questo si è parlato a Venezia in occasione degli Stati Generali della Logistica del Nord Est. E su questi temi Srm, l'Osservatorio di Intesa-San Paolo ha presentato il 7° rapporto annuale sulle relazioni economiche tra l'Italia e il Mediterraneo. E' emerso che nel Mediterraneo transita complessivamente il 20 per cento del traffico marittimo mondiale. Grazie al raddoppio il Canale di Suez sta registrando tassi di crescita a doppia cifra con il Mediterraneo sempre più al centro delle rotte tantopiù con lo sviluppo della via della seta. Già oggi l'interscambio cinese fa registrare un aumento, pensate, dell'841 per cento rispetto al 2001. Al nostro microfono il presidente dell'Autorità di sistema portuale del Mar Adriatico Orientale, Zeno D'Agostino, e il direttore generale di Srm, Massimo Deandreis.

Spazio poi allo sciopero della logistica e dei trasporti e alla questione autoporto di Genova. Il presidente dell'Autorità di sistema portuale, Paolo Emilio Signorini, ha assicurato che sono state individuate soluzioni per garantire aree di sosta adeguate.

Emergenza terrorismo legata ai mezzi pesanti. Per le città di Palermo e Matera al via il progetto di Uirnet che prevede la "blindatura" telematica degli accessi. Ci spiega meglio Rodolfo De Dominicis, presidente e amministratore delegato di Uirnet.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast