Wikileaks rivela le tecniche di sorveglianza della Cia. Politica: Trump si prepara a sostituire Obamacare | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

Wikileaks rivela le tecniche di sorveglianza della Cia. Politica: Trump si prepara a sostituire Obamacare

Wikileaks è tornato a colpire, e questa volta il bersaglio è la Cia. Il sito fondato da Julian Assange ha pubblicato una prima tranche di 8.761 documenti - datati tra il 2013 e il 2016 - che rivelano le tecniche e gli strumenti informatici utilizzati dall'agenzia per condurre le sue operazioni di sorveglianza. Secondo Assange ‘Vault 7', come è stata rinominata questa nuova serie di leaks, costituisce la più ampia mole di documenti sullo spionaggio mai pubblicata, ed è potenzialmente persino più esplosiva delle rivelazioni di Edward Snowden sull'Nsa.
Stando al materiale ottenuto da Wikileaks, la cui autenticità per il momento non è stata ancora confermata, i software in possesso della Cia permetterebbero perfino di utilizzare smartphone e televisioni di ultima generazione, anche se spenti, per ascoltare e registrare le conversioni dei soggetti sotto sorveglianza; ad essere colpite sarebbero anche le app criptate di messagistica come WhatsApp, Signal, Telegram e Confide. La fonte sembra essere un membro della Cia stessa, che secondo Wikileaks ha agito mossa dal "desiderio di aprire un dibattito pubblico sulla legittimità di queste operazioni", nella convinzione che ci sia bisogno di un maggiore controllo per queste nuove armi cibernetiche. Bisogna però precisare che questi strumenti vengono usati dalle agenzie di intelligence per sorvegliare i soggetti potenzialmente pericolosi, non i comuni cittadini. In ogni caso questa fuga di informazioni, se confermata, porterebbe con se una serie inimmaginabile di conseguenze, a partire dall'indebolimento della capacità operativa di un'agenzia le cui armi e metodi non sono più un segreto.
Sul fronte politico è nel frattempo iniziata la lunga marcia per l'approvazione del disegno di legge che dovrebbe sostituire Obamacare, la riforma sanitaria fortemente voluta dall'ex presidente Barack Obama. "Sono sicuro che questa riforma sarà compresa e apprezzata anche più della precedente", ha dichiarato ieri Donald Trump, ma a smorzare il suo ottimismo sono state le numerose critiche che sono giunte proprio dal fronte repubblicano. I membri più conservatori del Gop lo hanno infatti accusato di aver voluto scrivere un testo ‘troppo centrista', per venire incontro alle esigenze di tutti. La risposta (colorita) del presidente non si è fatta attendere; Trump ha promesso ‘un bagno di sangue' per tutti coloro che vorranno opporsi. Resta solo da vedere se avrà anche la forza politica necessaria per far passare la riforma al momento del voto in Congresso.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast