L'ok al bilancio spiana la strada alla riforma fiscale | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Rating:

L'ok al bilancio spiana la strada alla riforma fiscale

Favorevoli 116, contrari 112; dopo il Senato anche la Camera dei rappresentanti ha dunque approvato la proposta di budget per il 2018. Si tratta di un passaggio fondamentale per procedere con il vero obbiettivo di Donald Trump per gli ultimi mesi di quest'ano, e cioè la riforma fiscale. Nella risoluzione sul bilancio sono stati inseriti infatti anche i 1.500 miliardi di dollari di sgravi fiscali che Donald Trump ha promesso agli americani nei prossimi 10 anni, e il presidente può dunque festeggiare.
Non è tuttavia una vittoria priva di insidie. Per finanziare questa riforma fiscale Trump ha infatti deciso di eliminare le deduzioni delle tasse cittadine e statali da quelle federali, una mossa che per via della struttura fiscale americana - dove queste tre imposte si sommano - finisce per penalizzare sopratutto stati democratici come New York e il New Jersey, dove sono più alte, e quasi per nulla stati 'rossi' come la Florida. Non solo. Con le elezioni di medio termine del 2018 sempre più vicine questa proposta non piace neppure ai rappresentanti repubblicani di questi stati: ieri infatti ben undici deputati repubblicani dello stato di New York hanno votato compatti contro il bilancio, che alla fine è stato approvato con una maggioranza risicata di soli quattro voti.
Ma il vero problema è un altro. La temperatura politica all'interno del partito repubblicano ultimamente si sta facendo sempre più rovente, e alla lista degli scontenti non bisogna dimenticare di aggiungere i senatori Bob Corker, Jeff Flake e John McCain, che nei giorni scorsi hanno duramente criticato il proprio presidente. Che la riforma fiscale sia un un vero e proprio ginepraio è risaputo, e forse è proprio per questo che non se ne vede una dai tempi di Ronald Regan. Che la ‘guerra civile' all'interno del Grand Old Party possa alla fine divampare proprio su questo terreno?

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast