Donald Trump 'on the road' | Radio24
Ora in diretta

Condotto da

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

Donald Trump 'on the road'


"La decisione di nominare un procuratore speciale per le indagini sul Russiagate fa male al Paese, dimostra che gli Usa sono divisi". Così Donald Trump ha commentato la nomina dell'ex direttore dell'Fbi Robert S. Mueller come procuratore speciale per le indagini sul Russiagate, l'ultimo capitolo nell'ondata di scandali che ha travolto in questi giorni la casa Bianca. Parole ben più dure sono quelle che Trump, dopo aver negato ogni suo collusione con il Cremlino, ha affidato a Twitter: "Con tutti gli atti illegali avvenuti nella campagna elettorale della Clinton e nell'amministrazione Obama, non e' mai stato nominato un commissario speciale. E' la più grande caccia alle streghe di un politico nella storia americana". Il presidente non vede l'ora di cambiare aria, e il suo primo viaggio all'estero da questo punto di vista appare provvidenziale.
In serata Trump volerò verso Riad, in Arabia Saudita. E' questa la prima tappa simbolica di un viaggio con cui il presidente intende ribadire soprattutto un concetto: il Medio Oriente e la lotta contro il terrorismo sono in cima alla lista delle sue priorità. Per perseguire questo scopo Trump ha intenzione di riallacciare i rapporti con l'Arabia Saudita e con Israele, non a caso la seconda meta del suo viaggio. Se è vero che con Benjamin Netanyahu i rapporti si sono in parte raffreddati dopo le recenti aperture di Trump alla Palestina e ad Abu Mazen, tuttavia il legame tra i due rimane molto solido, soprattutto se confrontato con quello del suo predecessore Obama. Il 44esimo presidente nel suo primo viaggio all'estero non aveva nemmeno incluso Israele nel suo programma.
L'ultima fermata di Trump, prima degli impegni istituzionali del vertice Nato a Bruxelles e del G7 di Taormina, sarà infine Roma. Il presidente Usa si incontrerà con Papa Francesco, con cui cercherà di ricostruire un rapporto fino ad oggi piuttosto teso. I due non si sono mai incontrati di persona, ma il loro scontro a distanza si è consumato attraverso commenti e gesti simbolici, basti ricordare la messa tenuta da Papa Francesco al confine con il Messico. Quello stesso confine su cui Trump sta pensando di costruire il famoso muro. Le tre capitali delle tre grandi religioni monoteistiche, la simbologia del viaggio di Trump è evidente. Così come è evidente che vuole lasciarsi alle spalle le polemiche degli ultimi giorni per presentarsi al mondo con tutta l'autorevolezza e il carisma di cui gode il presidente degli Stati Uniti.

Canzone del giorno: Willie Nelson - On The Road Again

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Ultime puntate

Ascolta le puntate che ti sei perso, accedi ai podcast