VIAGGIO NELLE PMI IN ITALIA - Come cambia il Paese dopo la crisi | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
VIAGGIO NELLE PMI IN ITALIA - Come cambia il Paese dopo la crisi
Notizie | Voci di impresa

VIAGGIO NELLE PMI IN ITALIA - Come cambia il Paese dopo la crisi

di Anna Marino

Un viaggio nelle macrozone ad alta densità di produzione in Italia. Nord, Sud ,Ovest, Est, sono i punti cardinali delle storie e delle testimonianze degli imprenditori che quest'estate ci raccontano il territorio e il panorama in cui le loro imprese affondano le radici.
C'è una grandissima potenzialità degli ex territori dei distretti industriali ora chiamati "zone" che non è venuta meno durante la crisi. Il programma vuole essere un viaggio quasi turistico e una sorta di esplorazione dei diversi territori produttivi, in cui gli imprenditori hanno scelto di rimanere a produrre nel loro Paese, per la qualità e per puntare sul territorio come elemento strategico. L'esportazione è comunque attiva, rimanere in Italia non è un rifiuto dell'internazionalizzazione, che invece così ha una solida base di partenza nell'area di origine, e in più ci sono forti ricadute sui diversi settori radicati sul territorio, dal turismo alla cultura, al commercio. Viaggeremo nelle "macroregioni" d'Italia alla ricerca delle zone produttive, delle comunità e delle particolarità, e intervisteremo imprenditori testimoni del tessuto imprenditoriale scegliendo tra le numerose storie dei dei nuovi o tradizionali distretti territoriali.

Storie in anteprima, inedite o in versione long, ma anche idee e novità per l'impresa sono disponibili nella pagina del programma di Voci di Impresa e curiosando nella sezione EXTRA, in cui potrete scriverci i vostri messaggi e le vostre storie. Voci di Piccola Impresa è su twitter con l'account @vocipmiradio24, su Facebook alla pagina Voci di Piccola Impresa, il blog e il download sono sempre su www.radio24.it.
Lo speciale di voci di piccola impresa viaggio nelle piccole e medie imprese in Italia va in onda ogni domenica a luglio e agosto alle 13:15


TERZA TAPPA: LA PUGLIA
La terza tappa del viaggio si sposta in Puglia, dove fioriscono nuovi e tradizionali distretti, e si trovano ancora campioni dell'export grazie a movimenti come che raccolgono tutte le esperienze del territorio: e allora l'eccellenza della meccatronica, che affianca il distretto calzaturiero di Casarano, quello industriale di Barletta, quello del tessile e del mobile Imbottito nasce e si sviluppa tra le province di Matera, in Basilicata, e Bari, in Puglia. E grazie a movimenti come il distretto Produttivo "Puglia Creativa" è un laboratorio progettuale nazionale con l'obiettivo che le imprese culturali e creative pugliesi e i loro talenti rimangano sul territorio.
La prima storia nasce da questo contesto ed è attiva nel settore formazione e impresa. E' un'impresa, la scuola Open Source, ma è appunto anche una scuola, un luogo dedicato all'innovazione, sociale e tecnologica, dove svolgere attività didattiche, culturali e di ricerca. Un'idea imprenditoriale nata da un premio nazionale, che si chiama Che fare, e come spiega uno dei suoi fondatori Alberto De Leo, forma talenti su misura per le imprese del territorio e non solo...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

La seconda storia è quella di Gìmel, azienda pugliese, che da quasi quarant'anni progetta e realizza collezioni di abbigliamento e accessori per bambino in sinergia con diverse griffe della moda . Quest'anno compiono 40 anni di attività, e secondo Alberto Dalena Amministratore Delegato e fondatore Gìmel hanno raggiunto un obiettivo i mercati internazionali oggi coprono circa l'80% del fatturato grazie alle buone performance dell'area mediorientale e russa oltre a Corea, Giappone e Hong Kong. E nel frattempo formano loro stessi i talenti in azienda, talenti soprattutto del territorio pugliese...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:


SECONDA TAPPA: LA SARDEGNA E CAGLIARI
ll viaggio nella sua seconda tappa si sposta in Sardegna, per esplorare i territori produttivi e le nuove zone di eccellenza.
La prima riguarda un settore a sorpresa come quello dell'IT, dell'alta tecnologia, che si è sviluppato grazie a fondi regionali mirati, creati nel tempo come una Silicon Valley a Cagliari, facendo nascere nuovi distretti di eccellenza. Moneyfarm è ormai una scale up, dalla start up fondata nel 2011 da Giovanni Daprà e da Paolo Galvani, ed è una piattaforma di consulenza indipendente che costruisce portafogli di investimento. C'è una enclave dell'azienda a Cagliari, mentre una parte delle risorse umane è a Londra dove la finanza è matura su tutti i fronti. Spiega perchè il cofondatore Paolo Galvani...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

La seconda storia nel settore tradizionale dell'accoglienza turistica che si è ampliata dopo gli attentati terroristici per ospitare chi preferisce anche per sicurezza le mete nostrane e che concepisce i villaggi come viaggi. Parliamo di Club Esse un'azienda tutta italiana che nel 2016 ha visto esplodere il business e crescere il proprio fatturato (20 mln sui 18 previsti) in Italia. Spiega perchè Michele Spiga, amministratore delegato Club Esse, che dalla sua ha anche l'accento sardo...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:


PRIMA TAPPA: LA CAMPANIA E NAPOLI
ll viaggio nelle PMI Italiane parte da due case history che ormai girano tutto il mondo ma sono nate in Campania, dove da sempre il settore agroalimentare è la punta di diamante, dalla pasta alla pizza, ma a sorpresa anche l'alta tecnologia traccia un nuovo volto della Campania, abbiamo ascoltato le loro storie in occasione del primo Festival dello Sviluppo Sostenibile partito da Napoli e organizzato da Asvis-Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile, cui aderisce Confindustria e che riunisce oltre 160 organizzazioni del mondo economico e sociale. Stefania Brancaccio, Cavaliere del lavoro, Vice Presidente della società COELMO SpA, produttrice di gruppi elettrogeni industriali e marini. Con tre stabilimenti in Campania, uffici di rappresentanza in Europa e Medioriente e distributori nei maggiori paesi del mondo, 2.000 unità annue, più di 100 persone impiegate, un fatturato di 30 milioni di euro annuo. Bisogna andare oltre Industry4.0 e pensare alle risorse umane con welfare e misure di sostenibilità per arrivare lontano con la propria impresa e innovare sempre...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:
Susanna Moccia, Responsabile esportazioni La Fabbrica della Pasta di Gragnano, che oggi può contare su un 70% delle vendite fuori dall'Italia, produce 140 formati di pasta esportati in 62 Paesi, dalla Birmania al Cile, dalla Thailandia all'Australia. E con il Consorzio della Pasta di Gragnano l'azienda pensa anche alle atre pmi del territorio e ad aiutarle ad esportare, senza dimenticare robotizzazione e welfare per i dipendenti...

per ascoltare i contenuti multimediali
installa adobe flash player

Rating:

Guarda ultime puntate
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti