Scuola Italia. Studenti campioni di compiti, ma alla fine il risultato non c'è | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Scuola Italia. Studenti campioni di compiti, ma alla fine il risultato non c'è
Notizie | GR24

Scuola Italia. Studenti campioni di compiti, ma alla fine il risultato non c'è

Paolo Ragusa, pedagogista

Audiostrip:
  • GR24 Scuola Italia. Studenti campioni di compiti, ma alla fine il risultato non c'è
    Rating:

Gli studenti italiani non sono tra quelli più agevolati nel trovare un lavoro finito il percorso di studi, in compenso sono tra quelli che sgobbano di più sui libri una volta tornati a casa da scuola. Risulta infatti da un rapporto Ocse che i quindicenni della penisola trascorrono in media quasi 9 ore la settimana a fare i compiti contro una media Ocse di 4,9 ore. Dall'altra parte a chiudersi meno di tutti in cameretta a studiare sono i giovani finlandesi e coreani, che, con una media di meno di tre ore a settimana, svettano comunque nelle classifiche sulle competenze scolastiche. La prova che una maggiore mole di compiti a casa non coincide per forza con una maggiore preparazione. Secondo l'Ocse quattro ore a settimana rappresentano la quantità giusta anche perché, sottolinea sempre l' Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico, andando oltre il beneficio relativo si assottiglia. Troppo lavoro a casa, sottolinea l'Ocse, avvantaggia chi può contare sul sostegno della famiglia e chi dispone di ambienti domestici adeguati e tranquilli. Dunque se da un lato i compiti costituiscono un aiuto ad imparare di più e meglio, dall'altro rischiano di rafforzare le disparità socio-economiche. Il commento di Paolo Ragusa, pedagogista, formatore e autore del saggio «La scuola che ci serve» (Lir Edizioni), intervistato da Roberta Pellegatta.

Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti