I passi verso il governo del Paese | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
I passi verso il governo del Paese
Notizie | Effetto giorno

I passi verso il governo del Paese

di Daniele Biacchessi

Audiostrip:
  • Effetto giorno le notizie in 60 minuti L'analisi di Daniele Biacchessi
    Rating:

Il primo passo per la formazione di un Governo del Paese porta una data precisa: il 23 marzo.
Quel giorno ci sarà l'insediamento delle Camere e fino ad allora i due partiti usciti vincenti dalla recente tornata elettorale, Lega e M5s, dovranno trovare un accordo per dividersi le due cariche dello Stato: la trattativa si basa sulle candidature di Giancarlo Giorgetti, braccio destro di Matteo Salvini, alla presidenza della Camera, e Danilo Toninelli, fedelissimo di Luigi Di Maio, alla guida del Senato.
Questa mossa dovrebbe neutralizzare ogni manovra alternativa, rendere meno forte la possibilità di una trattativa con Silvio Berlusconi e posizionare il Partito Democratico in un ruolo di mera opposizione, come del resto chiesto dalla maggioranza della direzione del partito di ieri.
Ma la spartizione delle poltrone di Camera e Senato di Lega e M5s non sta a significare in modo automatico la celebrazione di una vera e propria intesa politica di Governo.
Gli scenari sono molti.
La via maestra sarebbe un Governo politico.
Quindi stando alla matematica le possibilità sarebbero esecutivi Lega-M5s o M5s-Pd.
Un Governo di minoranza non avrebbe alcuna chance, al momento, vista l'indisponibilità dei democratici di sostenere uno dei due vincitori.
Le altre varianti sono governi tecnici, del Presidente, di scopo, di unità nazionale.
Nel caso non si riuscisse a portare a termine una di queste soluzioni, il ritorno al voto sarebbe inevitabile.
Si, ma con quale legge elettorale?
E anche su questo punto, vista l'impossibilità di determinare una maggioranza con il Rosatellum, la classe politica dovrà per forza inventarsi un percorso alternativo.
Dunque il cammino è ancora lungo e irto di difficoltà sia per i vincitori che per i perdenti, che potrebbero essere chiamati diciamo con la forza istituzionale di Mattarella a prendersi le loro responsabilità.

Guarda ultime puntate
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti