Il finanziamento della politica | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Il finanziamento della politica
Notizie | Effetto giorno

Il finanziamento della politica

di Daniele Biacchessi

Audiostrip:
  • Effetto giorno le notizie in 60 minuti L'analisi di Daniele Biacchessi
    Rating:

Fare politica costa ingenti quantità di quattrini.
E così da sempre, ma negli anni dominati dalla comunicazione digitale lo è in forma maggiore.
Nonostante i tagli al personale e le restrizioni dei bilanci, costa ancora molto mantenere in piedi i partiti, i movimenti, le associazioni di supporto, con le loro sedi nazionali e locali, i funzionari (anche se pochi), la logistica.
Costa mettere in piedi uffici parlamentari, organizzare campagne elettorali sempre più capillari, affittare spazi pubblicitari, location.
Il tema del finanziamento della politica torna ogni volta che si apre un fronte di indagine. E puntualmente torna l'idea di una commissione d'inchiesta, di un referendum consultivo.
Pochi ricordano che al referendum voluto dai Radicali nel 1978 gli italiani votarono in buona maggioranza per la difesa del finanziamento pubblico dei partiti. I contrari furono il 43,59% degli aventi diritto.
Quindici anni dopo, nel 1993, i "SI" vinsero con il 90,25%.
L'indignazione suscitata dall'inchiesta Mani Pulite, portò all'idea che i partiti dovessero trovare altre forme di finanziamento con sistemi di assoluta trasparenza.
E oggi trasparenza chiede il M5s quando invoca una commissione d'inchiesta sui presunti soldi provenienti dalla Russia destinati alla Lega.
Ma le commissioni d'inchiesta, come nel passato, sono buone per accatastare faldoni e relazioni. Nulla di più.
Forse dovremmo ammettere di avere sbagliato.
Pretendevamo una sacrosanta moralizzazione della politica e abbiamo creato le condizioni che la rendono praticamente impossibile.
Potremmo ripristinare un finanziamento pubblico adeguato, pulito e trasparente, e contemporaneamente aumentare, anche in modo drastico, le pene per i corrotti.

Guarda ultime puntate
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti