Dati personali. Busia: "L'accordo Usa-Ue è passo avanti per la libertà" | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Dati personali. Busia: "L'accordo Usa-Ue è passo avanti per la libertà"
Notizie | Si può fare

Dati personali. Busia: "L'accordo Usa-Ue è passo avanti per la libertà"

Dalla navigazione alla posta elettronica passando per i nostri appunti: pensiamo di averli salvati sul telefonino o sul tablet invece sono su server messi da qualche parte. E siccome gran parte dei giganti del web sono americani, l'accordo Usa-Ue sulla tutela dei dati personali segna un passo avanti per la nostra libertà.
Ne è convinto Giuseppe Busia, segretario generale dell'Autorità Garante per la protezione dei dati personali che a "Si Può Fare" su Radio24 commenta l'intesa "Privacy Shield" tra Unione Europea e Stati Uniti. Prima le autorità americane avevano praticamente libero accesso ai nostri dati, ora non sarà più così? "E' utile usare il condizionale perché adesso abbiamo solo un accordo politico. Manca ancora un testo scritto. Solo quando ci saranno le norme attuative si potrà dare un giudizio. Per ora possiamo dire che è un successo l'accordo. Gli Stati Uniti erano restii anche solo a parlarne. Ora si sono seduti a un tavolo. Sappiamo che ci sono alcune garanzie, dobbiamo vedere le clausole scritte per capire se sono sufficienti" ha dichiarato il Segretario generale. L'obiettivo è determinare uno standard che valga per tutte le democrazie, aggiunge Busia: "Si possono fare indagini negli Stati Uniti e in Europa sulla base di soggetti indagati ben precisi.
Quello che stiamo riuscendo a fare è che se si trova un accordo sugli standard di protezione dei dati e delle libertà, questo diventi uno standard per tutte le democrazie occidentali: non è accettabile un controllo generalizzato sui nostri dati, ma solo se una persona è sospettata di terrorismo, per esempio, o di fronte a indagini ben precise".

Guarda ultime puntate
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti