Claudio Lotito a Radio24: "Società di calcio ostaggio degli ultras delinquenti" | Radio24
Ora in diretta

Condotto da
Claudio Lotito a Radio24: "Società di calcio ostaggio degli ultras delinquenti"
Notizie | Tutti convocati

Claudio Lotito a Radio24: "Società di calcio ostaggio degli ultras delinquenti"

di Giovanni Capuano

Audiostrip:
  • Tutti Convocati Claudio Lotito a Radio24: "Società di calcio ostaggio degli ultras delinquenti"
    Rating:

Il calcio italiano è attanagliato dal dibattito sulle norme che regolano la discriminazione territoriale e razziale. Il presidente della Lazio Claudio Lotito è intervenuto a riguardo in Tutti convocati su Radio 24: "Con questa norma le società sono ostaggio degli ultras che possono far chiudere lo stadio facendo 50 cori - accusa -. Se un settore di migliaia di persone assume un comportamento di un certo tipo è giusto che vada censurato. Ma 20/30 persone non rappresentano la tifoseria: bisogna distinguere i tifosi-delinquenti dai delinquenti-tifosi". "La forza del tifo - prosegue Lotito - non deve necessariamente diventare violenta e razzista. Ci sono anche ultras che si comportano in modo corretto. Purtroppo però ci sono persone che non vanno allo stadio per vedere la partita ma per compiere atti criminosi. Nelle curve, attraverso la tifoseria organizzata, si compiono atti di delinquenza. Queste gente, che passa dallo stadio alla strada, è la stessa che si trova nei cortei anti-Tav o contro la scuola e non hanno nulla a che vedere col tifo. Sulla carta d'identità la categoria professionale "tifoso" non esiste. Esistono persone che vanno a vedere la partita, persone più educate e meno educate poi ci sono i delinquenti che fanno i tifosi". Sotto accusa è la norma sulla discriminazione territoriale "così com'è stata impostata fa solo danni, è un boomerang - accusa senza mezzi termini il presidente biancoceleste a Radio24 -. Bisogna mettere in campo una serie di situazione volte a prevenire certi fenomeni. Come Lazio abbiamo un rapporto di collaborazione 24 ore su 24 con le forze dell'ordine, un'azione di prevenzione nelle scuole e negli ospedali, un sacco d'iniziative come la maglia NO RACISM, ma non è che posso mettere un poliziotto al fianco di ogni spettatore per registrarlo con un microfono: 'Scusa cos'hai detto?'. Non possiamo vietare ai tifosi di proferire parola. Oggi le società non hanno i mezzi per prevenire il fenomeno, non ci sono le attenuanti, non hanno nulla e poi di conseguenza pagano in termini di credibilità sportiva ed economica". Lotito non risparmia neppure le norme Uefa, recepite anche dalla Figc, sulla discriminazione razziale e territoriale: "La FIGC è una delle federazioni più importanti della Uefa dove il nostro rappresentate, Giancarlo Abete, è il vice-presidente. Bisogna che il presidente Platini capisca queste situazioni. Non è che Platini è diventato il vangelo, nel vangelo esiste solo nostro signore Gesù. Bisogna adattare le norme alle condizioni di habitat specifiche, agli usi e costumi dell'ambiente". Lotito poi torna sulla squalifica dello stadio Olimpico per la prossima partita di Europa League con l'Apollon: "Con il termine razzista oggi viene inglobata una serie di comportamenti maleducati e campanilistici. Nel caso della Lazio la Uefa ha chiuso tutto lo stadio perché alcuni spettatori della curva intonavano il coro "polacchi puzzate di cioccolata" ('slavo puzzi di merda', ndr) dopo che i polacchi hanno messo a ferro e fuoco la città: al Legia Varsavia non è successo niente, alla Lazio hanno chiuso lo stadio. E questi cori da chi sono stati rilevati? Né dalle forza dell'ordine, né dall'arbitro, né dal delegato Uefa ma dai rappresentanti di un'associazione chiamata FARE (Football against racism in Europe). Ma chi dice che le rilevazioni del FARE sono tali da giustificare la chiusura dello stadio? E'la devianza di questo sistema".

Guarda ultime puntate
Vedi tutti i commenti

Moderazione commenti

Radio 24 invita gli utenti del proprio sito ad un ascolto attivo e partecipativo, pertanto consente e favorisce la pubblicazione di commenti su queste pagine. I commenti sono aperti a chiunque desideri contribuire alla discussione.

I commenti rilasciati dagli utenti sul sito di Radio 24 sono pre-moderati, ovvero è applicata una moderazione preventiva secondo criteri che ne discriminano la pubblicazione.

Criteri di pubblicazione

Sono suscettibili di non pubblicazione i commenti che contengono, nel testo o nel nome dell’autore:

  • Contenuti relativi a tematiche personali con dati sensibili (indirizzi, numeri di telefono, e-mail, ecc.)
  • Critiche palesemente offensive
  • Critiche verso personaggi, ospiti ed altri brand
  • Minacce generiche
  • Minacce dirette a persone
  • Link commerciali che promuovono prodotti o attività anche no profit
  • Link ufficiali di siti web e link a risorse esterne
  • Insulti verso terzi diffamanti
  • Termini volgari, bestemmie
  • Contenuti che incitano alla violenza
  • Contenuti razzisti, sessisti, omofobici
  • Messaggi di spam o spoiler

Radio 24 si riserva la facoltà di modificare liberamente le presenti Note e Condizioni in qualsiasi momento aggiornando questa pagina.


Le ultime puntate

Scarica i podcast più recenti