Rogo CittÓ della scienza a Napoli. Eugenio Bennato: "Non diamola vinta a questa umanitÓ di serie B"

07/03/2013 ore 15.22

Eugenio Bennato, insieme al fratello Edoardo, cantore di Bagnoli, della periferia occidentale di Napoli, commenta desolato il rogo alla CittÓ della Scienza di Napoli...

L'intervista ad Eugenio Bennato

Eugenio Bennato, insieme al fratello Edoardo, cantore di Bagnoli, della periferia occidentale di Napoli, commenta desolato il rogo alla CittÓ della Scienza di Napoli. "Succede nell'area pi¨ cara della mia infanzia e della mia fantasia" - dice a Radio24. "Area che un po' di decenni fa, in un'ottica di esansione dell'industria, fu sacrificata per l'industria. Ho passato l'infanzia a sognare che quel mare diventasse bello e pulito e che quel posto diventasse un posto pi¨ attraente". Ma cosa perde Bagnoli, perdendo la CittÓ della scienza? "Non perde niente" - dice Eugenio Bennato - "perchŔ non penso che si possa rimanere inerte di fronte ad un patetico e volgare gesto di distruzione. Si pu˛ distruggere un padiglione ed Ŕ una bella rottura di scatole, per˛ non si pu˛ distruggere la volontÓ di non darla vinta a questa ignota anonima societÓ di serie B". Ascolta l'intervista ad Eugenio Bennato, al microfono di Carmelo Prestisimone.

In evidenza